Monza Vs Triestina

3 - 0

  • Barillà (23)
  • Mota Carvalho (77)
  • Machin Rig. (89)

AC MONZA – U.S. TRIESTINA CALCIO 1918  3-0 (P.T. 1-0)

MARCATORI: 23′ Barillà, 77′ Mota Carvalho, 89′ Machin Rig.

AC MONZA (4-3-1-2): Di Gregorio; Bettella (30′ Sampirisi), Bellusci, Lepore, Carlos Augusto (72′ Anastasio); Frattesi, Fossati (80′ Barberis), Barillà; D’Errico (72′ Machin); Mota Carvalho (80′ Maric), Finotto.  A disposizione: Sommariva, Donati, Rigoni, Gytkjaer, Colpani.  All. Christian Brocchi

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-3-3): Offredi; Struna (88′ Natalucci), Ligi, Lambrughi, Brivio; Giorico (59′ Rizzo), Lodi, Maracchi (68′ Petrella); Sarno, Granoche (59′ Di Massimo, 88′ Rapisarda), Gomez.  A disposizione: Valentini, Rossi, Tartaglia.  All. Carmine Gautieri

ARBITRO: Serra (Torino)  ASSISTENTI: Imperiale, Annaloro

NOTE: Serata fresca, terreno di gioco in discrete condizioni. Ammoniti: D’Errico, Bellusci, Finotto (Mon), Granoche (Ts) per gioco falloso. Recupero: 2′ e 2′

 

Secondo turno di Coppa Italia per i rossoalabardati, impegnati a 48 al U-Power Stadium (ex Brianteo) di Monza contro la compagine allenata da Christian Brocchi e costruita dal duo Berlusconi-Galliani per conquistare la prima storica promozione in Serie A dei brianzoli. Triestina che non cambia atteggiamento tattico proponendo il 4-3-3, turnover molto limitato con Brivio a ritrovare la maglia dal 1′ in difesa, reparto completato da Lambrughi, Ligi e Struna. Mediana con Lodi affiancato da Maracchi e Giorico, in attacco a supporto di Granoche ci sono Sarno e Gomez. Monza con il 4-3-1-2 nel quale la regia è affidata a Fossati, le rifiniture a D’Errico con Finotto e Mota Carvalho tandem offensivo, mentre nel ruolo di mezz’ala agiscono Barillà e Frattesi.

Dopo una breve fase di studio la prima palla buona è del Monza al minuto 8, Lepore dalle retrovie pesca l’inserimento di D’Errico, cross in mezzo respinto corto e destro alto di Mota Carvalho da buona posizione. Dopo un mancino di Sarno all’undicesimo su azione da palla inattiva contenuto senza patemi da Di Gregorio, si rivedono i brianzoli al 12′, Frattesi riceve da Carlos Alberto e cerca un tiro cross col destro, Finotto sottomisura spedisce alle stelle col ginocchio da pochi passi. La Triestina gioca a viso aperto e prova a farsi vedere in avanti al 16′, Sarno da destra centra tagliato, Gomez indirizza di testa ma centrale, Di Gregorio calcola il rimbalzo al meglio e blocca. Risposta Monza al 21′, Frattesi con un’azione caparbia si crea lo spazio per il sinistro dall’interno dell’area, mancino rasoterra controllato comunque in sicurezza da Offredi. Superata metà frazione i padroni di casa passano in vantaggio: cambio campo da destra a sinistra, sponda di Carlos Augusto e mancino di prima intenzione dai venti metri di Barillà, l’ex Parma pesca l’incrocio dei pali con un diagonale imprendibile. Risponde subito l’Unione con una bella combinazione sulla sinistra, cross ampio di Gomez raccolto da Sarno che non riesce però a trovare il varco giusto per concludere, permettendo alla difesa di chiudere. Al 29′ un liscio di Bellusci su lancio lungo di Struna spiana la via della porta a Granoche, diagonale decisiva di Bettella che si scontra col centravanti alabardato. Bettella ha la peggio ed è sostituito da Sampirisi, Granoche dopo un paio di minuti rientra seppur dolorante. Al 33′ ci riprova Barillà dopo combinazione con Mota Carvalho, il suo rasoterra diagonale stavolta è decisamente meno pericoloso e viene bloccato da Offredi. Al 40′ gran cross di Frattesi dalla destra, Carlos Augusto sbuca sul secondo palo e incorna alto da due passi. Risposta alabardata al 42′ con un gran corridoio di Lodi per Giorico, il centrocampista manca il controllo (non semplice) che l’avrebbe messo a tu per tu con Di Gregorio. E’ l’ultimo spunto di cronaca di una prima frazione nella quale i padroni di casa fanno valere la categoria superiore ma la Triestina non demerita, creando più di un grattacapo alla corazzata brianzola.

Al rientro in campo non ci sono sostituzioni, i padroni di casa provano a tessere la loro tela con pazienza ma la prima palla gol è alabardata, destro diagonale radente di Struna dai venti metri al 7′ con sfera di poco a lato. Ancora Triestina al minuto undici con un’azione paziente sulla sinistra, centro morbido di Lodi con Granoche che non trova la giusta potenza di testa dai 5-6 metri ostacolato da un difensore. Su azione da corner si vede il Monza al 14′, il colpo di testa di Frattesi in torsione termina abbondantemente a lato. Poco prima del quarto d’ora primi cambi e sono alabardati, Di Massimo per l’acciaccato Granoche, Rizzo prende invece il posto di Giorico. Al 19′ brianzoli vicini al raddoppio, D’Errico ruba palla in pressing alto a Lodi e l’azione porta Frattesi al mancino con lo specchio aperto dai venti metri, grande risposta di Offredi che manda in corner, poi senza esito. Altra palla gol Monza al 21′, passaggio orizzontale di Rizzo intercettato ancora da Frattesi che va per il destro dal limite, conclusione potente ma alle stelle. A cavallo di metà frazione terzo cambio Unione, dentro Petrella per Maracchi con passaggio al 4-2-3-1. Al 27′ è Brocchi a pescare dalla panchina, Anastasio e Machin sostituiscono Carlos Augusto e D’Errico. L’ultimo quarto d’ora è comprensibilmente di marca brianzola, oltre alla categoria superiore due giorni in più di riposo si fanno sentire. Alla mezz’ora Monza vicinissimo al raddoppio, mezza girata potente di Barillà respinta da Offredi, sulla respinta Machin trova il palo interno e la sfera sembra aver oltrepassato per intero la linea, Offredi la fa sua e la terna lascia correre. Passano 3′ e i brianzoli trovano comunque il raddoppio, Barillà morbido per Mota Carvalho che calcia potente al volo col destro dall’interno dell’area, Offredi si oppone ma la palla incoccia il palo e supera per intero la linea. Proprio Mota Carvalho cede poco dopo il posto a Maric, fuori anche Fossati con ingresso di Barberis. Monza più al sicuro e in avanti con Anastasio al 36′, azione personale chiusa da un destro radente di poco a lato. A 2′ dal 90′ nell’Unione dentro Natalucci e Rapisarda per Struna e Di Massimo e pochi secondi dopo, su spunto personale di Machin, Serra ravvisa un ‘mani’ della difesa alabardata indicando il dischetto. Lo stesso Machin calcia rasoterra potente, Offredi intuisce ma non può intervenire e così arriva il tris del Monza. E’ l’ultimo spunto di cronaca di questa sfida, tenuta viva dalla Triestina per 75′, poi le maggiori energie e la differenza di categoria si sono fatte sentire. Testa al campionato, alla trasferta di domenica a Cesena.