Triestina Vs Padova

2 - 0

  • Gomez (45)
  • Gatto (55)

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 – CALCIO PADOVA  2-0 (P.T. 1-0)

MARCATORI: Gomez 45′, Gatto 55′

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-4-2): Offredi; Scrugli, Malomo, Lambrughi, Formiconi; Procaccio (75′ Steffè), Giorico, Maracchi, Gatto (68′ Mensah); Gomez (84′ Costantino), Granoche (68′ Ferretti). A disposizione: Rossi, Matosevic, Codromaz, Beccaro, Cernuto, Vicaroni. All. Gautieri

CALCIO PADOVA (3-5-2): Minelli; Pelagatti (75′ Serena), Kresic, Lovato; Fazzi, Germano (68′ Sylla), Ronaldo (68′ Buglio), Castiglia, Baraye; Bunino (46′ Pesenti), Santini (68′ Mokulu). A disposizione: Galli, Andelkovic, Cherubin, Capelli, Mandorlini, Daffara, Soleri. All. Sullo

ARBITRO:  Marchetti (Ostia Lido – Roma)  ASSISTENTI: Vitali (Brescia) Salvalaglio (Legnano – MI)

NOTE: Pomeriggio mite, terreno di gioco in perfette condizioni. Ammoniti: Ronaldo (Pd), Malomo (Ts) per gioco falloso. Recupero: 0′ e 6′

SPETTATORI: 6320

 

La prima per Carmine Gautieri sulla panchina dell’Unione è subito un battesimo del fuoco, al “Rocco” infatti arriva la capolista Padova pressoché al completo, assente infatti il solo Rondanini. Alabardati al contrario con più di un cerotto, oltre allo squalificato Frascatore non sono a disposizione Paulinho, Hidalgo, Salata ed Ermacora, con Costantino inizialmente in panchina viste le non perfette condizioni. Unione col 4-4-2 nel quale Scrugli e Formiconi occupano le corsie difensive, Gatto e Procaccio sulle ali con Gomez a far da spalla a Granoche nel reparto avanzato.

La sfida è ad alto tasso di pressing ed agonismo, gli ospiti giocano piuttosto duro e l’Unione si fa preferire cercando da subito di prendere in mano il pallino del gioco. La prima emozione arriva al 13′ dopo un bel recupero palla a metà campo, Procaccio sulla trequarti taglia rasoterra per Gatto il cui destro dai venticinque metri è molto potente ma poco preciso, sfera che si alza rispetto alla porta di Minelli. La contesa è sentita, la tensione è palpabile e sul campo si vede, la Triestina continua a tenere l’iniziativa ma il gioco spigoloso da ambo le parti fa latitare le emozioni, la prima frazione sembra quindi incanalata sullo 0-0 ma a sparigliare le carte provvede uno splendido dialogo Gomez-Granoche-Gomez, assist profondo del Diablo e finalizzazione rasoterra di grande freddezza del venticinque alabardato, “Rocco” in estasi al tramonto del primo tempo e vantaggio comunque meritato.

Nella ripresa nel Padova subito Pesenti per Bunino ma la prima chance è alabardata, al 3′ Gomez pesca Granoche in area sulla sinistra, assist rasoterra al centro sul quale Procaccio manca di un amen la deviazione vincente in spaccata. La capolista non si vede ed è ancora la Triestina a provarci con Formiconi, sinistro dai venticinque metri con palla che sibila poco distante dall’incrocio dei pali alla destra di Minelli. La superiorità è netta e si materializza al 10′ con Gatto, abile a convergere da sinistra cercando il destro potente verso la porta, la deviazione di Kresic fa il resto e Minelli è battuto per la seconda volta. Cambi in serie per il Padova ma è ancora l’Unione ad andare a un soffio dal tris, Scrugli pennella da destra per Granoche che di testa manda a fil di palo  a portiere battuto. A metà frazione Mensah e Ferretti prendono il posto di Gatto e Granoche, ed è proprio Ferretti poco dopo la mezz’ora a sfiorare la prodezza con un sinistro a giro che si spegne a alto di pochissimo. Nell’ultimo quarto d’ora prima Steffè per Procaccio, poi Costantino per la meritata standing ovation a Gomez, tiri in porta biancoscudati non ne arrivano e l’Unione conduce in porto una vittoria strameritata e pesante per morale e classifica, non lasciando scampo alla capolista nel sentito derby triveneto. AVANTI COSI’ RAGAZZI!