Triestina Vs Virtus Verona

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 – VIRTUS VECOMP VERONA  1-0 (P.T. 0-0)

MARCATORI: 80′ Costantino Rig.

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-4-2): Matosevic; Scrugli, Codromaz, Lambrughi, Ermacora; Procaccio (85′ Giorico), Steffè, Paulinho, Mensah (46′ Gatto); Gomez (62′ Costantino), Granoche (71′ Ferretti, 85′ Beccaro).  A disp: Offredi, Formiconi, Malomo, Maracchi, Hidalgo, Cernuto, Vicaroni.  All. Carmine Gautieri

VIRTUS VERONA (4-3-1-2): Chiesa; Pinton, Santacroce, Sirignano, Lavagnoli; Gasperi (84′ Danti), Danieli (67′ Merci), Casarotto (84′ Sammarco), Manarin (67′ Magrassi); Lupoli (74′ Odogwu), Da Silva.  A disp: Malaffo, Vannucci, Fermo, Cazzola, Curto, Onescu, Baravelli.  All. Luigi Fresco

ARBITRO: De Tommaso (Rimini)  ASSISTENTI: Ferabola (Brescia) Marchetti (Trento)

NOTE: Serata fresca, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: Ermacora, Steffè (Ts), Sirignano, Danieli, Gasperi (Vv) per gioco falloso, Procaccio (Ts) per comportamento non regolamentare. Espulso: Scrugli (Ts) al 37’st per gioco violento, Carmine Gautieri (All. Triestina) a fine primo tempo. Recupero: 0′ e 4′

 

Secondo turno in gara unica di Coppa Italia al “Rocco”, di fronte Triestina e Virtus Verona, chi passa affronta il Vicenza.

Dopo quattro corner consecutivi nei primi 3′ per la Virtus senza peraltro concludere a rete, il primo tentativo nello specchio è di Granoche di testa all’ottavo, anche in questo caso su azione d’angolo, Chiesa controlla in presa bassa. Succede poco per circa un quarto d’ora poi al 23′ è Procaccio a creare scompiglio sulla sinistra, palla bassa che attraversa tutta l’area senza trovare deviazione vincente, il contro cross di Scrugli è preda di Granoche che spedisce alto di testa in precario equilibrio. Al 32′ punizione dalla trequarti sinistra di Paulinho, Granoche pizzica di testa con la sfera che viene bloccata in presa da Chiesa. Al 41′ ci prova Gasperi dalla grande distanza, il suo potente destro viene agevolmente controllato in presa bassa da Matosevic.   E’ l’ultimo spunto di una prima frazione tutto sommato avara di grosse occasioni, il risultato al rientro negli spogliatoi è specchio di quanto creato dalle due squadre.

Al ritorno in campo nella Triestina dentro Gatto per Mensah mentre non va in panchina Gautieri, espulso al termine del primo tempo da De Tommaso probabilmente per qualche parola di troppo. Al 4′ Unione in rete con delizioso tocco sotto di Granoche su assist di Procaccio, la bandierina di Marchetti vanifica però il gol per fuorigioco. Triestina più arrembante in attacco e pericolosa al 7′ con un velenoso pallone dentro di Scrugli dalla destra, la difesa veronese si salva con affanno. All’ottavo ancora Triestina avanti con un bel pallone da destra di Steffè, stacco imperioso di Gomez e grande risposta di Chiesa, la respinta è preda di Granoche spalle alla porta che va col destro a colpo sicuro trovando Santacroce “sdraiato” davanti alla linea a mettere in corner, poi senza esito. Fiammata Virtus all’undicesimo, spunto sulla destra di Da Silva e destro a colpo sicuro dal dischetto di Casarotto, decisiva l’opposizione di Scrugli sulla traiettoria destinata all’angolino. Dalla parte opposta è Gatto dalla media distanza a cercare la rete al 12′, il suo potente destro si spegne alto di poco. Superato il quarto d’ora nella Triestina dentro Costantino per Gomez mentre negli ospiti, a cavallo di metà ripresa, dentro Merci e Magrassi per Danieli e Manarin. Pochi minuti e arriva il terzo cambio alabardato con Ferretti a sostituire Granoche, mentre a poco più di un quarto d’ora dal termine nei veronesi dentro Odogwu per Lupoli. Al 33′ episodio importante in area ospite, ingenua trattenuta di Pinton su Gatto e per l’arbitro ci sono gli estremi per il penalty, Costantino trasforma con freddezza e precisione. Passano 2′ e l’Unione rimane in dieci, intervento in ritardo di Scrugli che l’arbitro giudica da rosso diretto (piuttosto severo). Cambi immediati da ambo le parti, nella Triestina dentro Beccaro e Giorico per Ferretti e Procaccio, negli ospiti Sammarco e Danti per Gasperi e Casarotto. Nei 4′ di recupero chance per Danti, il cui destro viene provvidenzialmente ribattuto da Ermacora, per gli ospiti non c’è più tempo per cercare il recupero e l’Unione conquista così la vittoria, guadagnando l’accesso agli ottavi di finale contro il Vicenza.