Massimo Pavanel nuovo allenatore dell'Unione: le parole in conferenza stampa
Massimo Pavanel nuovo allenatore dell'Unione: le parole in conferenza stampa

Nella mattinata di oggi nella sala stampa della sede societaria, ha avuto luogo la conferenza stampa di presentazione del nuovo mister della prima squadra alabardata Massimo Pavanel, alla presenza degli organi di stampa. L’incontro con i media, durato all’incirca un’ora, ha visto anche la partecipazione dell’amministratore unico del sodalizio rossoalabardato Mauro Milanese, che ha introdotto la conferenza: “Si comincia con tanta concorrenza e con tanta voglia di fare, consapevoli di un torneo molto competitivo alla luce non solo della possibile distribuzione geografica dei gironi (nord, centro e sud, ndr), ma anche dei grandi risultati che le formazioni del nostro girone stanno ottenendo, con quattro squadre delle otto rimaste a giocarsi la promozione in Serie B che provengono dal nostro raggruppamento. Il nostro obiettivo – ha dichiarato Milanese - è di migliorare quanto fatto lo scorso anno e raggiungere i playoff, fedeli al concetto impresso sin dai primi giorni da Mario Biasin, quel pian pianin che vuole e deve essere sprone a migliorarsi sempre, senza voli pindarici ma facendo tutto quello che possiamo per raggiungere gli obiettivi. Abbiamo preso in mano con coraggio una società che stava per sparire e abbiamo festeggiato sul campo la salvezza in Serie D, ritrovandoci in Serie C al termine della stagione successiva. L’anno scorso risultati alla mano ci sono state dieci squadre che sono arrivate davanti a noi non permettendoci di raggiungere l’obiettivo playoff, quindi migliorarsi vorrà dire questo, arrivare a fine campionato nel novero delle squadre che potranno giocarsi la post-season. Sono molto felice che mister Pavanel, già capitano e allenatore dell’Unione in passato, sia tornato a casa. Penso sia arrivato qui nel momento giusto, dopo una stagione estremamente coinvolgente ad Arezzo sotto tutti i punti di vista. Sapete tutti quanto non sia mistero che già l’anno scorso ci fosse stata più di un’opportunità di vederlo sulla nostra panchina, sono contentissimo che a distanza di una stagione questo sia stato possibile, il mister è carico e sono sicuro saprà infondere al gruppo la voglia di giocarsi ogni partita con il massimo impegno e la massima determinazione. Quello che ci porterà al centenario sarà un anno bellissimo, mi sento orgoglioso e fortunato nell’essere parte di questa società e di questo progetto, e spero questa responsabilità la sentano anche i giocatori perché la prospettiva di giocare in uno stadio che sarà rimesso a nuovo, con un nuovo terreno di gioco, nell’anno del centenario e con gli europei Under 21 la prossima estate, saranno tutti elementi che dovranno essere sprone per i nostri ragazzi, con l’obiettivo di un calcio fatto di ritmo e con la voglia di rendere il “Rocco” il nostro fortino, non disdegnando di cercare prestazioni importanti anche fuori casa com’è successo lo scorso anno in più di una circostanza. Prima di passare la parola al mister concludo con i dettagli sullo staff tecnico, nel quale entrerà Daniele Riganti – accanto a Massimo Pavanel già all’Hellas Verona, ndr - come vice. Confermati Diego Del Piccolo come preparatore dei portieri e Luca Bossi come preparatore atletico, Stefano Lotti ricoprirà il ruolo di collaboratore tecnico mentre per Nicola Princivalli l’idea sarebbe quella di affidargli la guida della formazione Berretti, discorso che affronteremo con lui entro breve tempo”.

“Arrivo a Trieste dopo un’esperienza formativa al massimo sotto tutti i punti di vista in quel di Arezzo – ha esordito Massimo Pavanel – un’annata che mi ha permesso di arrivare qui ancor più pronto e preparato. Se il matrimonio con l'Unione si è fatto adesso e non lo scorso anno, era perché doveva farsi adesso, e il campionato vissuto in Toscana mi ha permesso di crescere sotto tutti gli aspetti. Esperienza più nell’allenare i giovani che i ‘vecchi’? Non direi, in carriera sin dall’Eccellenza e dall’Interregionale ho allenato molto più i giocatori esperti che quelli giovani, di certo l’anno scorso ho voluto portare alcune delle idee portate avanti negli ultimi anni coi giovani anche in un gruppo più esperto, e alla luce dei risultati ottenuti la scelta è stata azzeccata. Voglio un gruppo che sia formato sì da giocatori validi, ma prim’ancora da uomini, che sappiano prendersi le proprie responsabilità e sentano l’importanza della maglia che indossano. L’obiettivo è trasmettere questo e come diceva in precedenza Mauro, rendere il “Rocco” il nostro fortino. Per essere ancora più forti dobbiamo cercare di essere tutti una cosa sola. Giocatori, società, staff, tifosi, stampa, sponsor, tutte l e realtà che ruotano attorno al mondo Triestina. Se questo accadrà, potremo trovarci di fronte squadre più titolate o magari che hanno investito più pesantemente sul mercato, ma con questi presupposti e questa unità di intenti, venire a giocare a Trieste non sarà una passeggiata per nessuno, ve lo posso assicurare. Vogliamo e dobbiamo cercare di emozionarci noi e di emozionare chi ci segue e ci seguirà, il calcio per me è emozione e questo deve essere recepito come si deve da chi indosserà la maglia alabardata. Chi non capisce questo, non può far parte del nostro progetto, non può far parte della Triestina. Voglio gente pronta a sudare, a dare tutto, consapevole del peso della maglia che indossa. Gente incazzata non dal primo secondo del campionato o della preparazione estiva, ma già da quando ci ritroveremo prima di metà luglio per le visite mediche. Conosco benissimo la piazza e so come può comportarsi Trieste nelle difficoltà, ma so allo stesso modo cosa può dare di meglio, di più, di forte. Io cerco questo, noi cerchiamo questo. E dovremo fare in modo di avere questo”.

1 giugno 2018