L'Unione lotta ma viene beffata da un rigore al 94': il Mestre s'impone 2-1
L'Unione lotta ma viene beffata da un rigore al 94': il Mestre s'impone 2-1

A.C. MESTRE - U.S. TRIESTINA CALCIO 2-1 (1°t. 1-0)

MARCATORI: Sottovia 33', Pozzebon 85', Spagnoli 94' rig 

A.C. MESTRE: Gagno; Gritti, Perna, Politti; Casarotto (74' Kirwan), Beccaro (90' Pozzebon), Boscolo Papo (79' Zecchin), Rubbo, Fabbri; Sottovia (79' Spagnoli), Neto Pereira (79' Bussi). A disp: Favaro, Ayoub, Zanetti, Boffelli, Stefanelli, Sodinha, Bonaldi. All. Zironelli

U.S. TRIESTINA CALCIO: Perisan; El Hasni, Codromaz, Aquaro, Grillo (88' Mori); Bariti (54' Pozzebon), Meduri (54' Acquadro), Porcari, Bracaletti (74' Petrella); Arma, Mensah (88' Langwa 'Zoom'). A disp: Boccanera, Libutti, Pizzul, Castiglia, Hidalgo, Celestri. All. Princivalli

ARBITRO: Gariglio (Pinerolo)  ASSISTENTI: Santi (Prato) e Lenza (Firenze)

NOTE: Recupero 1' e 3'. Ammoniti: Gritti, Zecchin (Me), Meduri, Acquadro (Ts) per gioco falloso

 

Senza lo squalificato Mister Sannino e l'infortunato Troiani, l'Unione affronta la trasferta più vicina del campionato, sfidando il Mestre sul terreno di Portogruaro. Collaudato 3-5-2 per gli uomini di Zironelli, con Sottovia accanto a Neto Pereira e Beccaro con licenza di inserirsi dalla mediana. Nei rossoalabardati permane il 4-4-2 con alcune forzate modifiche. Al posto di Troiani gioca sulla destra El Hasni con Codromaz ad affiancare Aquaro al centro della difesa. A sinistra prima volta da titolare per Grillo, con l'acciaccato Pizzul in panchina. In mezzo al campo e nel reparto offensivo non si cambia rispetto agli ultimi 180'.

Fase di studio pressoché inesistente, subito ritmi elevati e grande agonismo, immediata uscita fuori area di Gagno per stoppare una volata di Arma, dalla parte opposta grande Aquaro su Sottovia liberato in posizione ghiotta da un assist filtrante di Boscolo. Appena 3' per il primo Giallo, è Gritti a strattonare Mensah in fuga in contropiede. L'agonismo in campo viene sottolineato dal giallo a Meduri dopo undici minuti, Mensah prova a dare la scossa con una volata sulla destra chiusa da un cross facile per Gagno. Fase di stanca quanto a emozioni dal quarto d'ora in poi, padroni di casa che prediligono i lanci lunghi, Triestina alla ricerca degli spazi uscendo dalle retrovie col palleggio. Una fiammata al match la regala Beccaro al 28', impegnando Perisan dal limite dopo un gran controllo a convergere. Sul corner che ne scaturisce, la sfera danza pericolosamente nell'area di porta albardata, Grillo spazza via provvidenzialmente. Il buon momento arancionero viene sugellato dal vantaggio al 33', quando Sottovia indovina un preciso pallonetto dai venti metri cogliendo Perisan fuori dai pali. L'Unione prova a scuotersi soprattutto con Mensah, trovando tuttavia spazi intasati e non riuscendo a dare fluidità e precisione alle proprie manovre, dopo 46' di gioco le squadre vanno al riposo con la maggior voglia degli arancioneri premiata dal vantaggio di misura.

La ripresa non vede modifiche ai rispettivi scacchieri, l'Unione inizia con intrarendenza e un destro di Porcari che termina però piuttosto largo. I ragazzi di Princivalli concedono qualche fisiologico spazio alle pericolose ripartenze ospiti, il Mestre ad ogni modo non trova la dovuta precisione per affondare. La prima mossa dalla panchina è dei giuliani, Pozzebon va ad affiancare Arma con Bariti che esce e cede il posto in fascia a Mensah, mentre in mediana Acquadro sostituisce l'ammonito Meduri, andando peraltro subito al tiro con un destro interessante. La fase centrale della ripresa è caratterizzata da continue perdite di tempo della squadra di casa, gli animi si surriscaldano e a farne le spese sono le possibilità offensive per una Triestina che fa la partita ma appunto non trova continuità di manovra. A un quarto d'ora dal termine dentro Petrella per Bracaletti, Zironelli toglie Casarotto inserendo Kirwan. A 10' dal termine triplo cambio per gli arancioneri, Spagnoli, Bussi e Zecchin sostituiscono Neto Pereira, Sottovia e Boscolo. La sfida sembra procedere con l'Unione a fare la partita ed il Mestre a difendersi con ordine, a 5' dal 90' arriva però l'episodio che riporta tutto in parità: Acquadro prova la botta dalla grande distanza, Gagno respinge corto e Pozzebon arriva prima di tutti a ribadire in rete. Sei minuti di recupero, la situazione sembra non dover cambiare più quando su un rilancio casuale della difesa, Bussi è lesto a farsi trovare pronto, puntare Codromaz che lo stende e prendersi il penalty che Spagnoli realizza. Finisce con un beffardo 2-1 per il Mestre, primo ko stagionale per una Triestina che s'è vista sfuggire all'ultimo il quarto risultato utile consecutivo.

 

24 settembre 2017