Primo tempo fantastico e ripresa di gestione e personalità. 1-3 a Vicenza, grande Triestina!
Primo tempo fantastico e ripresa di gestione e personalità. 1-3 a Vicenza, grande Triestin

VICENZA CALCIO - U.S. TRIESTINA CALCIO 1-3 (P.T. 1-3)

MARCATORI: Bracaletti 15', Petrella 23' e 32', Comi 37' (Rig.)

VICENZA CALCIO (4-3-3): Valentini; Bianchi, Crescenzi, Milesi, Giraudo (68' Salifu); Tassi (68' Beruatto), Romizi, Alimi (53' Ferrari); Giacomelli, Comi, Lanini (68' De Giorgio).  A disp: Fortunato, Costa, Di Molfetta, Magri, Viola, Bangu, Turi, Giusti.  All. Colombo

U.S. TRIESTINA CALCIO (4-3-3): Boccanera; Troiani, El Hasni, Aquaro (80' Codromaz), Grillo (88' Pizzul); Acquadro (80' Celestri), Porcari, Bracaletti (88' Libutti); Petrella (69' Meduri), Arma, Bariti.  A disp: Perisan, Pozzebon, Hidalgo, Langwa 'Zoom', Mori, Erman.  All. Sannino

ARBITRO: Miele (Torino)  ASSISTENTI: Saccenti (Modena) e Marchi (Bologna)

NOTE: Recupero 1' e 7'. Ammoniti: Giacomelli (Vi), El Hasni, Acquadro, Pizzul (Ts) per gioco falloso

 

Il clou della decima giornata del girone B di Serie C è una sfida ricca di tradizione e storia, al "Menti" di Vicenza è posticipo notturno tra i rossoalabardati e i biancorossi padroni di casa. Colombo punta sul 4-3-3 con Comi e Lanini preferiti a Ferrari e De Giorgio, mentre sull'out difensivo di sinistra Giraudo vince il ballottaggio con Beruatto. Unione con un modulo speculare e con diverse assenze, tra le quali spicca Davis Mensah. Squadra molto cambiata rispetto a quella che ha impattato 1-1 a Bassano, 3/4 della difesa sono infatti diversi (Troiani, El Hasni e Grillo per Libutti, Codromaz e Pizzul), in mediana Acquadro parte dal 1' accanto a Porcari e Bracaletti, mentre Arma resta riferimento offensivo centrale con Bariti e Petrella sulle corsie esterne.  

Fase di studio pressoché inesistente, appena 4' per la prima vera emozione della serata: azione avvolgente della Triestina, cross di Bariti dalla trequarti sinistra e stacco imperioso di Arma a trovare un prodigioso Valentini. I padroni di casa si appoggiano alla classe di Giacomelli e alla forza d'urto del collettivo, la Triestina non fa certo barricate e prima vede sfumare di un soffio un inserimento di Bracaletti su perfetto contropiede (grande salvataggio di Romizi), poi trova la rete del vantaggio proprio con Bracaletti al quarto d'ora, grazie a un destro velenoso dal limite su respinta corta della difesa berica. La risposta vicentina si concretizza con il primo tiro verso la porta di Boccanera al 18', e per questione di centimetri non arriva il pari: piazzato telecomandato di Lanini dai diciotto metri e sfera che incoccia la parte bassa della traversa a portiere battuto, trovando poi la linea e producendo un semplice corner. Il Vicenza cerca di portare avanti il baricentro ma così facendo si espone alle ripartenze giuliane, al 23' Petrella indovina un diagonale chirurgico col mancino, doppio palo e pallone in fondo al sacco per il meraviglioso raddoppio alabardato. L'Unione appena 2' potrebbe calare perfino il tris, Arma viene pescato da Petrella tutto solo in area ma conclude purtroppo debolmente di testa e Valentini può così rifugiarsi in corner. Terza rete rimandata al 32' quando ancora Petrella fulmina Valentini con un micidiale sinistro dal limite dopo un'altra azione avvolgente partita stavolta dall'out di destra. I padroni di casa sono alle corde e trovano ossigeno con un penalty conquistato e trasformato da Comi al 37' (trattenuta di El Hasni su azione da corner), gli alabardati non stanno a guardare e sfiorano l'1-4 con Bariti appena 1' più tardi, zuccata a lato di un soffio su corner di Bracaletti. Vicenza col nervo scoperto per l'evoluzione del match, sale il tono agonistico di una sfida già carica di suo di contenuti emotivi, dopo 46' le squadre vanno al riposo con l'Unione in doppio meritato vantaggio.

 Avvio di ripresa nervoso quanto equilibrato, il Vicenza cerca di mettere in campo il massimo sforzo, Colombo passa quasi subito al 4-2-4 con Ferrari inserito al posto di Lanini. Padroni di casa più di nervi che di qualità, l'Unione contiene con ordine e squilla più di una volta dalle parti di Valentini con Petrella e Bariti. Al 21' il primo tentativo vicentino verso la porta di Boccanera, grazie a una pericolosa incornata di Crescenzi su punizione dalla sinistra di Giacomelli. Triestina sempre pericolosa in contropiede e, volendo trovare il classico pelo nell'uovo, poco cinica rispetto a una letale prima frazione. Al 23' triplo cambio di Colombo, dentro De Giorgio, Salifu e Beruatto per Lanini, Giraudo e Tassi. Subito dopo arriva il primo cambio dei giuliani, esce un esausto Petrella ed entra Meduri a rinfoltire la mediana, con Bracaletti che passa sull'out di destra. Ripresa caratterizzata da lanci lunghi dei padroni di casa e Unione a difendere con ordine e senza rischiare quasi nulla, spunti di cronaca arrivano con i cambi, Aquaro rimane contuso su azione da corner e cede il posto a Codromaz, in contemporanea Acquadro lascia il posto a Celestri. Nel finale dentro Pizzul e Libutti per Grillo e Bracaletti, i 7' di recupero non cambiano la sostanza, l'Unione si regala una fantastica serata sbancando con pieno merito il "Menti" per 3-1. 

GIOIA IMMENSA, RAGAZZI!

 

23 ottobre 2017