Samb – Triestina: sala stampa post partita

samb-triestina-sala-stampa-post-partita

Al termine del match del “Riviera delle Palme”, hanno parlato in sala stampa Massimo Pavanel, Daniel Offredi e Alessandro Lambrughi

MASSIMO PAVANEL

“Non è mai facile venire a giocare qua, con un ambiente caldo che spinge fino all’ultimo. La Samb ha fatto un’ottima gara e oggi ha giocato meglio di noi, ma mi tengo stretto il punto e le occasioni pericolose create. La condizione fisica migliorerà e con essa l’intensità della prestazione, ragioniamo sul lungo periodo e occorre ancora un po’ di tempo per arrivare al massimo. Siamo stati bravi a reggere bene l’urto e ad avere le occasioni per portarla a casa, con il miglioramento della condizione atletica manterremo meglio le distanze e la prestazione ne trarrà beneficio di conseguenza. Noi favoriti? E’ un campionato con 7-8 squadre che se la possono giocare fino in fondo, normale che dopo la B sfiorata di un soffio lo scorso anno non possiamo certo puntare a salvarci e vogliamo fare un campionato di vertice, ma come noi ci sono tante altre squadre attrezzate per raggiungere l’obiettivo”. 

 

DANIEL OFFREDI

“La parata su Cernigoi? Lui era vicino e ho agito d’istinto, ci alleniamo in settimana per questo. Oggi abbiamo fatto un po’ di fatica ma a parte l’occasione iniziale non abbiamo concesso quasi nulla e anzi, abbiamo avuto noi almeno tre situazioni per portarla a casa. Va bene così. Nella ripresa ci siamo abbassati un po’ perché non riuscivamo ad andare a prenderli alti, siamo rimasti compatti e nonostante la pressione avversaria non abbiamo rischiato in pratica nulla o quasi”.

 

ALESSANDRO LAMBRUGHI

“I nostri avversari hanno fatto un’ottima partita e ci hanno reso la vita difficile, anche per questo quello di oggi è un punto che ci soddisfa. Dobbiamo rimanere concentrati, pensare di lavorare col massimo impegno e andare avanti per la nostra strada. L’inerzia della partita è stata più loro, ma le occasioni reali per vincere la gara le abbiamo avute noi. Loro anche per caratteristiche fisiche sono sembrati un po’ più freschi, noi abbiamo bisogno di ancora un po’ di tempo e sono sicuro che quando entreremo in condizione sapremo esprimere tutto il nostro potenziale”.