Viscovo para tutto, gli ospiti con un contropiede firmano l’impresa e passano 0-1 al “Rocco”

viscovo-para-tutto-gli-ospiti-con-un-contropiede-firmano-limpresa-e-passano-0-1-al-rocco

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 – ALMA JUVENTUS FANO  0-1 (P.T. 0-0)

MARCATORI: 74′ Ferrara

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-3-1-2): Offredi; Rapisarda, Capela (24′ Tartaglia), Ligi, Brivio; Rizzo (64′ Calvano), Giorico (85′ Sarno), Maracchi (64′ Petrella), Boultam (64′ Lodi); Granoche, Mensah.  A disposizione: Valentini, De Luca, Filippini, Procaccio, Butti, Gomez, Palmucci.  All. Giuseppe Pillon

ALMA JUVENTUS FANO (3-5-1-1): Viscovo; Zigrossi, Bruno, Brero; Paolini, Amadio, Parlati (45′ Marino), Carpani, Monti; Nepi (46′ Ferrara), Barbuti.  A disposizione: Santarelli, Meli, Isacco, Baldini, Di Sabatino, Scimia, Mainardi, Martella, Rillo, Longo.  All. Flavio Destro

ARBITRO: Pascarella (Nocera Inferiore)  ASSISTENTI: Tomasello Andulajevic (Messina) Tinello (Rovigo)  IV UOMO: Rinaldi (Bassano del Grappa)

NOTE: Pomeriggio gelido con forti folate di vento, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: Capela, Mensah (Ts) per gioco falloso, Viscovo (Fan) per perdita di tempo. Espulso: Zigrossi (Fan) al 45′ per fallo da ultimo uomo. Recupero: 3′ e 4′

 

Prima gara del nuovo anno per i rossoalabardati, al “Rocco” l’Unione sfida il Fano, avversaria storicamente piuttosto ostica e che dall’arrivo di Flavio Destro sulla panchina sta raddrizzando una classifica deficitaria. Mister Pillon recupera almeno per la panchina Gomez e Procaccio ma deve rinunciare ancora a diversi giocatori. Riproposto il 4-3-1-2 nel quale Ligi sostituisce lo squalificato Lambrughi al centro della difesa, unico cambio rispetto all’undici di partenza che ha espugnato Bolzano lo scorso 23 dicembre. Ospiti con un coperto 3-5-2, Paolini e Monti a tutta fascia sugli esterni con mediana folta e coppia d’attacco Nepi-Barbuti.

Dopo qualche minuto di studio, doppia grande occasione al 7′ per l’Unione, prima il piattone di Giorico a botta sicura viene murato dalla difesa, sul prosieguo è lo stesso Giorico a pescare liberissimo Rizzo a centro area, l’incornata del centrocampista è però imprecisa. Triestina che fa la gara ma non trova molti spazi, gli ospiti restano arroccati nella propria trequarti affidandosi a sporadici contropiedi con il solo Barbuti e Nepi che talvolta lo supporta. Al 24′ Capela, vittima di una caduta maldestra in apertura di gara, deve lasciare il campo complice un forte dolore alla spalla destra, lo sostituisce Tartaglia. Un paio di minuti più tardi gran giocata sulla trequarti di Boultam, controllo e tocco a mandare in porta Mensah, fermato per un offside che non sembrava esserci. Sul finire di frazione cambio forzato anche per i marchigiani, si fa male Parlati e al suo posto dentro Marino. Si entra nei 3′ di recupero e una palla profonda di Rizzo manda in porta Mensah, steso da Zigrossi ai venti metri, inevitabile il rosso diretto. La punizione di Giorico termina alta di poco ed è l’ultimo spunto di cronaca del primo tempo, nel quale il bunker ospite regge con la Triestina padrona del gioco e del campo ma un po’ inceppata al momento dell’ultimo passaggio.

Al rientro in campo nel Fano dentro Ferrara per Nepi, ospiti col 4-4-1. Triestina vicina al vantaggio al 2′, Rizzo mette una palla tagliata da destra, Maracchi arriva ad impattare con l’interno destro e la sfera si perde a lato di poco. Gli ospiti non stanno comunque a guardare e creano un brivido al 7′ su azione d’anglo, la difesa alabardata si difende con qualche apprensione sul primo palo. Unione nuovamente vicina al vantaggio all’undicesimo, percussione insistita di Maracchi che entra in area da sinistra, mancino da posizione defilata destinato sull’angolo lontano con Viscovo che si supera alzando la traiettoria. Al quarto d’ora è Boultam a provare la girata mancina al volo su palla tagliata di Brivio, conclusione però debole e di facile controllo per Viscovo. Clamorosa palla gol alabardata al 17′, Rizzo da destra centra rasoterra trovando Granoche a due passi da Viscovo, che respinge d’istinto quasi senza accorgersene e salvando miracolosamente i suoi. Poco prima del ventesimo triplo cambio Triestina, Petrella-Lodi-Calvano per Maracchi-Boultam-Rizzo, l’Unione alza ulteriormente il baricentro alla ricerca dell’episodio che possa sbloccare la contesa. Nuova chance alabardata al 25′, Granoche va in azione personale al limite mandando alto di poco col mancino complice anche una lieve ma decisiva deviazione della difesa marchigiana. Ancora Triestina vicina al gol 1′ più tardi, Giorico libera Mensah che calcia potente col destro in diagonale esaltando ancora i riflessi di Viscovo. Ancora portiere ospite protagonista al 28′ su angolo di Lodi, incornata di Ligi destinata all’angolino ma bloccata dal volo plastico del portiere. Nel modo più inaspettato e beffardo al 29′ passano gli ospiti: contropiede con Ferrara che calcia da venti metri  trovando la deviazione di Tartaglia, la sfera si impenna scavalcando Offredi e insacccandosi nel ‘sette’. Ci prova subito Petrella ma Viscovo blocca, stessa sorte per il potente destro di Calvano al 33′ dai venti metri.  A 6′ dal termine un errato retropassaggio ospite manda Granoche a tu per tu con Viscovo, Pablo cerca il dribbling alle soglie dell’area di rigore venendo steso dal portiere che successivamente abbranca in presa il pallone, per Pascarella si può proseguire. Ultimo cambio Triestina a 5′ dal 90′, Sarno per Giorico. Si entra nel recupero e Viscovo sfodera l’ennesimo miracolo della sua giornata, respingendo in qualche modo un destro a botta sicura di Mensah. E’ l’ultima occasione delle tante collezionate dalla Triestina, punita ben oltre i propri demeriti dal Fano che in inferiorità numerica per tutta la ripresa passa 0-1 al “Rocco”.

 

Ph. Giovannini