Triestina Vs Vis Pesaro

4 - 0

  • Tartaglia (4)
  • Sarno (7)
  • Granoche (87)
  • Lodi Rig. (91)

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 – VIS PESARO  4-0 (P.T. 2-0)

MARCATORI: 4′ Tartaglia, 7′ Sarno, 87′ Granoche, 91′ Rig. Lodi

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-3-3): Offredi; Formiconi, Tartaglia, Lambrughi, Brivio (83′ Ermacora); Giorico (70′ Steffè), Lodi, Paulinho; Sarno (62′ Gatto), Gomez (70′ Granoche), Procaccio (83′ Laverone).  A disp: Matosevic, De Luca, Mazis, Cernuto, Salata.  All. Nicola Princivalli

VIS PESARO (3-5-2): Serraiocco; Gennari, Paoli, Farabegoli; Nava, Di Munno, Ejjaki (83′ Pannitteri), Misin, Tessiore (58′ Malec); Voltan, Bismark.  A disp: Ciacci, Bianchini, Campeol, Gabbani, Botta, Gomes, Di Nardo.  All. Simone Pavan

ARBITRO: Francesco Cosso (Reggio Calabria)  ASSISTENTI: Dentico (Bari) Belsanti (Bari)

NOTE: Pomeriggio mite e soleggiato, terreno di gioco in ottime condizioni. Ammoniti: Brivio (Ts) per gioco falloso, Bismark (Vis) per simulazione. Recupero: 0′ e 4′

 

In una gara caratterizzata da diverse assenze da ambo le parti, Triestina e Vis Pesaro si sfidano al “Rocco” per dare slancio alle rispettive classifiche. Alabardati con Tartaglia accanto a Lambrughi in difesa e la coppia Brivio-Formiconi sulle corsie, mediana Giorico-Lodi-Paulinho e tridente offensivo Gomez-Procaccio-Sarno.

Triestina propositiva in avvio e subito pericolosa al 3′ con un centro tagliato di Brivio da sinistra, Gomez è un attimo in ritardo con la spaccata e la Vis si rifugia in corner, dal quale l’Unione passa: sinistro a rientrare di Lodi, spizzata sul primo palo e colpo vincente da pochi passi di Tartaglia sul palo opposto. Ospiti storditi dall’avvio deciso degli alabardati, ancora a segno al 7′ con una splendida azione corale, Sarno prima dà il via poi riceve la sponda di Gomez e dal limite pesca l’angolo a mezza altezza alla destra di Serraiocco con un mancino fatato. Al 12′ l’Unione va a un passo dal tris con un piazzato dal limite di Lodi, sfera destinata in rete e provvidenzialmente alzata in corner per la Vis da un difensore. Risposta Vis al quarto d’ora con un destro al volo di Misin dai venticinque metri alzato in corner senza affanni da Offredi, l’azione d’angolo non ha poi esiti pericolosi. A cavallo di metà frazione Triestina due volte pericolosa, prima con un mancino di Lodi che si perde a lato, poi con un’incornata di Gomez su assist da destra di Sarno, la sfera esce di poco. Al 28′ ci prova voltan dai venti metri col destro, Offredi blocca agevolmente la conclusione centrale. Superata la mezz’ora è Brivio con uno spunto personale di forza a provare il mancino dal limite, la sfera si alza di poco rispetto al ‘sette’ della porta difesa da Serraiocco. Voltan è il più attivo tra i suoi e prova il destro da posizione defilata al 33′, Offredi copre bene il primo palo. La sfida scorre piacevolmente nonostante l’assenza di occasioni da gol di rilievo, si va al riposo tra gli applausi del “Rocco” con la Triestina in doppio vantaggio.

Al rientro in campo non ci sono sostituzioni, il canovaccio iniziale è lo stesso della prima frazione con l’Unione a fare la partita e gli ospiti ad agire principalmente di rimessa. Primo timido tentativo pesarese della ripresa al 12′, destro dai venti metri ad opera di Di Munno con palla abbondantemente alta. Prendono campo i marchigiani pur senza produrre granché, Pavan opta per Malec al posto di Tessiore dando fisicità all’attacco e una spalla accanto a Bismark. Risposta alabardata con la freschezza di Gatto per Vincenzo Sarno, applauditissimo. Il pallino del gioco è ora degli ospiti, la Triestina controlla il risultato limitando al minimo i rischi dalle parti di Offredi, altre forze fresche a 20′ dal termine con Steffè per Giorico e Granoche per Gomez. Fiammata Triestina alla mezz’ora, bel centro tagliato di Gatto da destra, Steffè schiaccia di testa con sfera che si spegne a lato di poco. A 7′ dal termine nella Triestina Ermacora e Laverone per Brivio e Procaccio, nella Vis dentro Pannitteri per Ejjaki. Alabardati a un soffio dal tris al 39′ con Granoche servito da Steffè, Serraiocco è due volte miracoloso e salva i suoi. Il tris comunque arriva a 3′ dal 90′, Gatto pennella morbido da sinistra e Granoche è tanto imperioso quanto preciso nello stacco di testa. Finale champagne per l’Unione, ancora a bersaglio nel primo dei 4′ di recupero con un delizioso cucchiaio di Lodi dagli undici metri, penalty decretato per atterramento di Granoche a pochi passi da Serraiocco. Triestina che non paga del poker chiude in attacco fino all’ultimo pallone, uscendo tra gli scroscianti applausi del “Rocco”. Avanti così!